Associazione MondoQui

Festa dei popoli 2009

capolavoro

Mondovì, 21 giugno 2009. Gli scatti di Michele, fotografo ufficiale di MondoQui. Per vedere bene le foto cliccare con il tasto destro e scegliere visualizza immagine.

amal

Distribuzione dei volantini di MondoQui

————————————————————–

Ecco la presentazione della Festa dei Popoli 2009, a cura dall’associazione MondoQui:

Buona sera a tutti e benvenuti alla Festa dei popoli 2009 da parte di tutti gli organizzatori dell’evento: le associazioni “Dalla pate dell’educare”, “Antenna Missiomondo”, “MondoQui” e dall’Acli e dalla Caritas di Mondovì e dal CSV Società solidale.

Questa è un’edizione un po’ particolare della Festa dei Popoli.

Quando ci siamo trovati a gennaio per cominciare ad organizzarla gli immigrati presenti dicevano:

Non abbiamo voglia quest’anno di fare la Festa. Non c’è nulla da festeggiare.

Perchè questi sono tempi difficili. Difficili un po’ per tutti, ma soprattutto per voi stranieri che vivete in Italia.

Sono tempi di crisi economica, che pesa soprattutto sulle spalle di chi svolge lavori precari o lavora nelle industrie. Tempi di disoccupazione, di cassa integrazione. E proprio gli immigrati sono tra quelli che hanno più difficoltà.

Sono tempi in cui alcuni immigrati stanno mettendo in conto di rimandare al paese d’origine moglie e figli, perché qui è diventato impossibile mantenerli. Figli che sono nati qui, o sono venuti da molto piccoli.

Ma sono anche i tempi della paura utilizzata come strumento di governo, del “Pacchetto sicurezza” che contiene anche misure contro i ricongiungimenti familiari. Cosa c’è di pericoloso nei ricongiungimenti familiari?

I tempi delle ronde e di tutta una serie di misure che sembrano voler dare la colpa di tutte le nostre insicurezze, i nostri problemi che sono di solito problemi tutti italiani, agli immigrati.

Sono i tempi dei medici e dei prèsidi che dovrebbero “denunciare”.

I tempi in cui l’immigrato irregolare viene chiamato clandestino e la clandestinità viene trasformata in un reato. Anche se la clandestinità viene creata dalle stesse leggi vigenti, perché chi perde il lavoro rischia di tornare ad essere irregolare.

Sono tempi in cui si vuole construire un’identità nazionale italiana mai esistita (se non per il calcio) in contrapposizione agli immigrati, e così si dice: l’Italia non deve essere multietnica. L’Italia agli italiani.

Sono i tempi di un razzismo sempre meno strisciante e sempre più manifesto, legittimato da parte delle istituzioni e dei media. I tempi in cui, di nuovo, si può essere considerati non per le proprie azioni, ma per l’appartenenza o meno a un popolo, a una razza.

I tempi in cui gli immigrati non hanno più voglia di uscire di casa e andare a prendere un caffè al bar perché gli italiani li guardano male.

La Festa si è infine deciso di farla lo stesso.

Servono segnali di speranza. Noi italiani e immigrati dobbiamo dirci che non abbiamo paura gli uni degli altri. Doppiamo trovare dei modi per comunicare, per conoscerci, per dire NO ad un’Italia costruita sulla paura degli altri.

Dobbiamo far vedere alla città che la convivenza è possibile, anzi è fonte di arricchimento per tutti. Dobbiamo mostrare e credere in un’appartenenza comune a una città in cui c’è posto per tutti e in cui i nostri figli possano avere un futuro degno insieme, e non divisi da muri e steccati fatti di diffidenza.

A questa città dobbiamo lavorare tutti insieme. Ed il significato di questa Festa, ed anche di tutto quello che fanno le nostre associazioni è proprio questo: fare dei buchi in questi muri di diffidenza che ci dividono e che rendono la nostra vita più brutta.

Dei buchi attraverso cui passare, per conoscersi, per diventare amici.

Dei buchi da far diventare sempre più grandi, fino a quando dei muri non sarà rimasto nulla.

Quindi lancio un appello a tutti voi: venite ad aiutarci, venite con noi, nelle nostre associazioni, oppure createne delle altre, uniamoci e aiutateci a costruire una città migliore.

Lo stiamo facendo per i nostri figli ed anche per i vostri.

La partecipazione è l’unico strumento che abbiamo per cambiare qualcosa.

Se restiamo ognuno chiuso in casa sua, siamo deboli, non contiamo nulla.

Contiamo qualcosa solo se la smettiamo di dire “io” e cominciamo a dire “noi”.

————————————-

filippine

Che buono il cibo di tutto il mondo! Ecco la bancarella della comunità filippina della provincia di Cuneo

doumdoumfolà

Bambini scatenati dai ritmi senegalesi dei Doum doum folà

mondoqui1

La bancarella di “MondoQui”

Annunci

1 Response to "Festa dei popoli 2009"

Siamo un gruppo di Musiche e Danze tradizionale
” Mosaico dell’ Est “.vorremo porticepare i vistri eventi. Come è possibile?
Grazie per la risposta. I nostri sitti è http://www.mosaicorusso.com
http://www.mosaicodell‘est. it
( adesso stiamo preporando unico sitto)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci

  • Nessuna
  • lario fede: E questi italiani sicuramente arrivati a NY con la barchetta,si arrampiacavano sui tetti,incendiavano materassi,insultavano e aggredivano la polizia l
  • Liudmila Tsarikova: Siamo un gruppo di Musiche e Danze tradizionale " Mosaico dell' Est ".vorremo porticepare i vistri eventi. Come è possibile? Grazie per la rispost
  • Redi Laloshi: Gran bella giornata. Spero ci siano altre. Grazie a tutti e specialmente chi l'ha organizzata. Ciao.

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: